AGEVOLAZIONI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DA SISMA


AGEVOLAZIONI PER LE POPOLAZIONI COLPITE DA SISMA

Per i clienti titolari di utenze site nelle aree colpite dagli eventi sismici del 24 agosto 2016 e successivi (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, come identificate dai provvedimenti delle autorità competenti) l’Autorità per Energia Reti e Ambiente (ARERA), con deliberazione 252/2017/R/com, in conformità al decreto legge 189/16 e alla Legge 15 dicembre 2016 n.229, ha disposto la sospensione dei pagamenti e l’applicazione di agevolazioni che, in generale, prevedono:

  • l’azzeramento dei corrispettivi per nuove connessioni/allacciamenti, disattivazioni, riattivazioni subentri e volture;
  • la riduzione delle componenti tariffarie soggette a regolazione per il settore elettrico con riferimento alle componenti di rete e agli oneri generali.

Con la deliberazione 587/2018/R/com, in attuazione delle norme previste dal D.L. 55/18, ARERA ha introdotto l’ulteriore azzeramento dei costi fissi di vendita per le forniture localizzate all’interno delle zone rosse, definite tali da apposite Ordinanze dei Sindaci dei comuni colpiti.

Le agevolazioni previste da ARERA decorrono dalla data del sisma che ha interessato il comune in cui è ubicata la fornitura originaria, se attiva, ed hanno una validità:

  • di 36 mesi, per le forniture “fuori dalla zona rossa”;
  • fino al 31 dicembre 2020, per le forniture in “zona rossa”.

Fanno eccezione le forniture per SAE (strutture abitative di emergenza) e MAPRE (moduli abitativi provvisori rurali di emergenza), alle quali le agevolazioni sono applicate dalla data di attivazione, voltura o subentro e fino alla data del 17 gennaio 2020.

Per i beneficiari delle agevolazioni che hanno dichiarato l'inagibilità del fabbricato (casa di abitazione, studio professionale o azienda) la sospensione dei termini di pagamento rimarrà in vigore fino al 1 gennaio 2020. Per le utenze/forniture localizzate nelle "zone rosse" è stato previsto che la sospensione dei pagamenti delle fatture sia prolungata sino al 31 dicembre 2020 in maniera automatica, a prescindere dalla dichiarazione di inagibilità dell'immobile in cui si trova l'utenza/fornitura colpita.

Inoltre, ARERA ha stabilito che verrà applicata l’equivalente di una tariffa domestica residente anche all’eventuale abitazione in cui è stato trasferito il domicilio, in conseguenza dell’evento sismico (anche se non è stata trasferita la residenza anagrafica). In particolare:

  • alle forniture domestiche, quali SAE (strutture abitative di emergenza), MAPRE (moduli abitativi provvisori rurali di emergenza), MAP (moduli abitativi provvisori), temporanee ad uso abitativo (roulotte, camper e similari), a prescindere dalla durata delle agevolazioni sisma;
  • alle forniture in portabilità uso domestico (diverse da quelle di cui sopra) per il periodo di vigenza delle agevolazioni sisma.

Al termine del periodo di sospensione CVA Trading emetterà una fattura unica, che conterrà i consumi relativi al periodo di sospensione della fatturazione, ma anche eventuali importi non ancora fatturati, inerenti periodi precedenti l’evento sismico. Il totale della fattura unica, se superiore a 50 Euro, sarà rateizzato automaticamente senza interessi per un periodo massimo di 36 mesi (con rata minima di 20 Euro). Le rate previste saranno addebitate secondo la normale periodicità di fatturazione. Il cliente potrà comunque, in alternativa alla rateizzazione, provvedere ad effettuare il pagamento in un’unica soluzione.

Inoltre, si ricorda che è facoltà del cliente anticipare la ripresa della fatturazione, inviando a CVA Trading specifica richiesta scritta.

I comuni in cui si trovano le forniture di energia elettrica attive alla data degli eventi sismici, per i quali i clienti titolari hanno diritto ad agevolazione, sono riportati negli allegati seguenti:

Allegato 1: elenco dei Comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016

Allegato 2: elenco dei Comuni colpiti dagli eventi sismici del 26 e del 30 ottobre 2016

Allegato 2-bis: elenco dei comuni colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017

ATTENZIONE: Per i Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto le agevolazioni non sono applicate in modo automatico ma solo su richiesta dei soggetti titolari di forniture di energia elettrica attive, alla data degli eventi sismici, che dichiarino l'inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, con trasmissione agli uffici dell'Agenzia delle entrate e dell'Istituto nazionale per la previdenza sociale territorialmente competenti.

Modulo per autodichiarazione inagibilità fabbricato nei Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto

Le agevolazioni sono cumulabili con il bonus elettrico e sono valide indipendentemente dalla localizzazione dell'utenza, garantendo il principio della loro portabilità: potranno infatti essere riconosciute a chi si è trovato con la propria abitazione inagibile ed è stato costretto a trasferirsi in altre località, anche in comuni diversi da quelli coinvolti dagli eventi sismici e sia in grado di produrre la documentazione che attesti l'inagibilità della propria abitazione e il nesso di causalità con gli eventi sismici.

Modulo per autodichiarazione inagibilità fabbricato.

Per le fatture già emesse, i cui termini di pagamento erano stati sospesi, sarà generata un’unica fattura di conguaglio che terrà conto delle agevolazioni previste e degli importi eventualmente già pagati dal cliente. Il termine di sospensione di sei mesi dalla data del sisma potrà essere prorogato di ulteriori sei mesi limitatamente ai soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, con trasmissione agli enti competenti.

Modulo per autodichiarazione inagibilità fabbricato.

Per gli importi dovuti sarà prevista una rateizzazione con durata di 24 mesi, periodicità pari a quella di fatturazione, senza interessi e decorrente dal momento di emissione della fattura unica. Non è prevista la dilazione per importi inferiori a 50 euro per singola fornitura. Qualora l’importo delle rate dovesse risultare inferiore a 20 euro, sarà ridotto il periodo di rateizzazione, nel rispetto della periodicità di fatturazione. Il cliente potrà comunque sempre optare per un periodo inferiore di rateizzazione o scegliere di pagare l'importo dovuto in un'unica soluzione.

Tutta la documentazione (dichiarazione inagibilità, copia del documento di riconoscimento e, qualora sia necessaria, perizia asseverata) e le eventuali comunicazioni di diverso indirizzo di recapito potranno essere consegnate a C.V.A. Trading mediante:

  • Posta elettronica, all’indirizzo e-mail retail@cvaspa.it per le utenze domestiche

oppure clienti.business@cvaspa.it per le utenze non domestiche;

  • Posta ordinaria, all’indirizzo Via Stazione, 31 – 11024 CHÂTILLON;
  • Fax, al numero 0166 82 1032 per i clienti domestici

oppure 0166 822925 per le utenze non domestiche;

  • Sportelli situati sul territorio,

ad AOSTA, in Via Clavalité 8;

a CHÂTILLON, in Via Stazione 31;

a MORGEX, in Via Valdigne 57;

a PONT-SAINT-MARTIN, in Via Resistenza 6.

Per eventuali ulteriori chiarimenti è possibile contattare il personale C.V.A. Trading disponibile al numero verde 800.998944 oppure presso gli sportelli territoriali.

 

La normativa ARERA facente riferimento agli eventi sismici è reperibile al seguente link:

https://www.arera.it/it/tagSearch.htm?tag=terremoto